NOBILE_FIANO.jpg

Il vitigno denominato dai latini Vitis apiana,
per la dolcezza delle uve preferite dalle
api, esprime al meglio il suo carattere nella
provincia di Avellino. Scrivono del Fiano di
Avellino Plinio e Columella; nel XII secolo
lo sceglie Federico II° di Svevia. Nel 1600 il
frate Scipione della Bona indica come zona di
elezione delle uve fiano il territorio montuoso
tra i castelli di Monteforte e monte Serpico,
fino alle colline di Lapio. La vinificazione
avviene nel pieno rispetto della tradizione e
fanno del Fiano di Avellino un vino amato e
ricercato dagli intenditori.

Areale di Produzione
In 24 comuni della provincia di Avellino, tra cui
i territori di Sorbo Serpico e Montefredane.
Allevamento: spalliera e potatura a guyot
Quintali/ettaro: 80/90
Vendemmia: prima decade di ottobre
Uva/vino massima resa 70%
Gradazione alcolica: 12-13% vol

Caratteri Organolettici
Sapore fresco e armonico. Colore giallo
paglierino. Aromi liberi, odori delicati e poi
profumi intensi, un vino dai mille sentori.

Abbinamento consigliato
Tutte le pietanze a base di pesce, carni bianche
e formaggi di media stagionatura.

Ottimo aperitivo - Servito 8/10 gradi C

 

FIANO di AVELLINO VINO BIANCO D.O.C.G.

Disponibilità: 50000
Prezzo: 19,95 € IVA inclusa